Anatolij Karpov - I migliori anni

      Anatolij Karpov - I migliori anni

      rating/
      Domande e risposte

      Károlyi ripercorre in 51 partite la carriera del grande campione russo negli anni dal 1986 al 1999.

      Pur avendo ceduto il titolo mondiale a Kasparov l’anno prima è proprio in questo periodo che Karpov profonde il suo maggiore impegno per tentare di riapproprarsi dello scettro di Caissa.

      I piani e le manovre leggendarie del grande Tolja vi saranno così svelati in tutta la loro linearità.

      Autore :
      Tibor Károlyi

      Campione d’Ungheria nel 1984, il Maestro Internazionale Tibor Károliy è noto soprattutto per le sue capacità didattiche: è sotto la sua guida infatti che Peter Lékó, nell’arco di soli quattro anni,... Leggi ancora

      € 31,35
      € 33,00 -5%


      • Spedizione gratuitasempre
      • Aiuta l'editoria e acquista direttamente dall'editore
      • Pagamento sicurocon carta di credito
      • Carta del docenteSpendi qui il tuo buono

      Dettagli Anatolij Karpov - I migliori anni

      Anatolij Karpov è uno dei più grandi giocatori della storia. XII Campione del mondo detentore del record di tornei vinti ha sbaragliato generazioni di giocatori grazie a un intuito strategico impareggiabile che gli ha consentito di eguagliare e superare la fama di Capablanca quale invincibile macchina degli scacchi.
      Károlyi centra le sue analisi proprio sul genio strategico di Karpov operando una selezione di elevato valore didattico in cui grazie anche al commento dell’autore il lettore potrà apprezzare in tutta la loro linearità i piani e le manovre leggendarie del grande Tolja.
      In questo volume Károlyi ripercorre in 51 partite la carriera del grande campione russo negli anni dal 1986 al 1999. Pur avendo ceduto il titolo mondiale a Kasparov l’anno prima è proprio in questo periodo che Karpov profonde il suo maggiore impegno per tentare di riapproprarsi dello scettro di Caissa. Si giunge così al paradosso di uno dei più forti scacchisti di ogni tempo che si esprime al massimo livello dopo aver l’aggiunto l’apice della carriera.
      Il libro contiene anche un’esauriente appendice statistica con tutti i risultati ottenuti da Karpov nel periodo in osservazione e un ricco apparato fotografico di grande valore storico.

      Anatolij Karpov - I migliori anni

      Anatolij Karpov è uno dei più grandi giocatori della storia. XII Campione del mondo detentore del record di tornei vinti ha sbaragliato generazioni di giocatori grazie a un intuito strategico impareggiabile che gli ha consentito di eguagliare e superare la fama di Capablanca quale invincibile macchina degli scacchi.
      Károlyi centra le sue analisi proprio sul genio strategico di Karpov operando una selezione di elevato valore didattico in cui grazie anche al commento dell’autore il lettore potrà apprezzare in tutta la loro linearità i piani e le manovre leggendarie del grande Tolja.
      In questo volume Károlyi ripercorre in 51 partite la carriera del grande campione russo negli anni dal 1986 al 1999. Pur avendo ceduto il titolo mondiale a Kasparov l’anno prima è proprio in questo periodo che Karpov profonde il suo maggiore impegno per tentare di riapproprarsi dello scettro di Caissa. Si giunge così al paradosso di uno dei più forti scacchisti di ogni tempo che si esprime al massimo livello dopo aver l’aggiunto l’apice della carriera.
      Il libro contiene anche un’esauriente appendice statistica con tutti i risultati ottenuti da Karpov nel periodo in osservazione e un ricco apparato fotografico di grande valore storico.

      Anno di pubblicazione:
      2015
      Pagine:
      364
      Formato:
      17x24 cm
      Rilegatura:
      brossura cucita
      Dorso:
      14 mm
      Peso:
      720 gr
      ISBN:
      978-88-6729-005-5
      Lingua originale:
      Inglese
      Traduttore:
      Mattia Antonetti

      Clicca qui per lasciare una recensione

      rating550.5
      anatoly karpov - i migliori anni

      eccellente biografia, sia nella scelta delle partite che nelle parti discorsive, molto illuminanti sull'andamento dei vari tornei e match cui Karpov partecipava. Noto per inciso che la tesi di Karolyi (Karpov ha raggiunto l'apice della forza durante i match con Kasparov) differisce da quella di Mark Dvoretsky, secondo cui - in particolare nella profilassi difensiva - Karpov stava gia' perdendo qualcosa. Ovviamente, un comune mortale come me non e' in grado di dire chi dei due abbia ragione.

      Altri libri in Grandi giocatori

      I clienti che hanno acquistato questo prodotto hanno comprato anche: